History Tracking

In Salesforce ogni volta che si modifica un campo, il valore precedente viene eliminato e quindi perso.

Ci sono alcuni campi che contengono informazioni sensibili e per cui è importante tracciare le modifiche effettuate.

Questa funzionalità esiste e si chiama “Field History Tracking” e consente (una volta attivata) di verificare per ogni cambio del campo, la persona che ha effettuato il cambio, il valore precedente, il valore nuovo e la data in cui il cambio è avvenuto.

Come attivare Field History Tracking

Se è la prima volta che utilizzate la history Tracking su un oggetto è necessario attivarla da:

Setup | Object Manager | Oggetto | Fields & Relationships in alto a destra schiacciare il pulsante “Set History Tracking”:

Una volta abilitato la casella appariranno i campi che possono essere posti sotto tracking, selezionate quelli necessari e poi cliccate su save:

Se un campo non è presente in questa lista significa che non è disponibile la funzionalità.

Per visualizzare la lista di cambi effettuati, una volta attivato il tracking è necessario inserire la related list nel layout (questo si puó fare dal Page Layout o direttamente come Single Related List direttamente nella Lightning page).
Una volta inserita, i valori appariranno nella UI:

Salesforce salva la History Tracking in tabelle dedicate: StandardObjectNameHistory se si tratta di uno standard object o CustomObjectName__History se si tratta di un oggetto Custom.

Alcune considerazioni sull’utilizzo di History Tracking.

  1. Tutti i cambiamenti fatti ad uno o piú campi prima dell’attivazione del tracking sono esclusi. Non è quindi una funzionalità retroattiva.
  2. Se si vogliono visualizzare dati molto vecchi (18-24 mesi) è possibile estrarre i dati delle tabelle sopra indicate con Data Loader o Salesforce Inspector
  3. Si possono porre sotto tracking fino ad un numero massimo di 20 campi sullo stesso oggetto
  4. Lo spazio che occupano le tabelle del tracking non contano nello spazio dei dati

Se utilizzate Activites, ci sono molte altre utili considerazioni da tenere in conto: a questo link potete trovare tutti i dettagli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *